Palmitoiletanolamide (PEA) panoramica

È stato riferito che la Food and Drug Administration ha approvato la presentazione di una domanda per una sperimentazione clinica per il trattamento del COVID-19 utilizzando una droga sintetica che imita l'azione di una molecola trovata nella marijuana.

Si ritiene che il farmaco sintetico, chiamato palmitoiletanolamide ultramicronizzata (micro PEA), agisca come un antinfiammatorio. La palmitoiletanolamide (PEA) è un "acido grasso presente in natura" simile a un endocannabinoide, una delle molecole presenti nella cannabis che prende di mira i recettori CB2. Si ritiene che i recettori CB2 modulino sia l'infiammazione che il dolore in tutto il corpo umano.

Poiché il [micro PEA] è stato utilizzato in Europa per 20 anni, alcuni operatori sanitari italiani stavano sostenendo l'uso del micro PEA per trattare i pazienti COVID-19 e stavano scoprendo un certo successo.

Il COVID-19 grave è caratterizzato da una risposta infiammatoria eccessivamente esuberante che può portare a una tempesta di citochine. “Il micro PEA non è un virus killer, ma credono che possa mitigare quella risposta immunitaria, che può essere fatale.

 

Che cos'è la palmitoiletanolamide (PEA)?

La palmitoiletanolamide (PEA) è un lipide che si trova naturalmente nel nostro corpo nella categoria delle ammidi di acidi grassi. È quindi un lipide endogeno. Il PEA è anche prodotto naturalmente in piante e animali.

La palmitoiletanolamide (PEA) può essere trovata in alimenti come latte, semi di soia, piselli, lecitina di soia, carne, uova e arachidi.

Il vincitore del premio Nobel Levi-Montalcini ha identificato la palmitoiletanolamide (PEA) come una molecola presente in natura, descrivendone il valore nel trattamento di infezioni e dolori cronici. In seguito alla sua scoperta, sono stati effettuati centinaia di studi scientifici per dimostrare che è molto efficace e sicuro da usare. La palmitoiletanolamide (PEA) è descritta negli scritti scientifici come a antidolorifico naturale.

 

Palmitoiletanolamide (PEA)

palmitoiletanolamide benefici - A cosa serve Palmitoiletanolamide?

La palmitoiletanolamide (PEA) è un'ammide di acidi grassi ed è sintetizzata e agisce all'interno del nostro corpo per la regolazione di varie funzioni. È un'ammide di acido grasso endogeno, appartenente alla classe degli agonisti dei fattori nucleari. La palmitoiletanolamide (PEA) è stata effettivamente ampiamente scoperta in molti modelli animali infiammatori, insieme a diversi test medici.

È un antidolorifico naturale e può essere utilizzato per il dolore cronico e l'infiammazione. Esercita anche altri effetti benefici come dolori neuropatici, fibromialgia, diverse sclerosi, lesioni da sforzo ripetitivo, infezioni delle vie respiratorie e molti altri disturbi.

Alcuni dei benefici riportati di palmitoiletanolamide includono;

 

io. Supporta la salute del cervello

I benefici della palmitoiletanolamide nel migliorare la salute del cervello sono associati alla sua capacità di combattere l'infiammazione neurale e anche la promozione delle cellule neurali sopravvive. Questo si nota maggiormente nelle persone che soffrono di disturbi neurodegenerativi e ictus.

Ad esempio, in uno studio su 250 persone affette da ictus, è stato riscontrato che il supplemento di palmitoiletanolamide somministrato insieme alla luteolina migliora il recupero. È stato scoperto che la PEA migliora la memoria, la salute generale del cervello e il funzionamento quotidiano. Questi effetti della polvere di palmitoiletanolamide sono stati notati 30 giorni dopo l'integrazione e sono aumentati in un altro mese.

 

ii. Alleviare da molteplici dolori e infiammazioni

Gli scienziati forniscono notevoli prove delle proprietà antidolorifiche della palmitoiletanolamide. È un dato di fatto, la palmitoiletanolamide offre sollievo dal dolore a diversi tipi di dolore e infiammazione. Alcuni studi che dimostrano le proprietà antidolorifiche della palmitoiletanolamide sono;

In uno studio che ha coinvolto animali, integratore di palmitoiletanolamide insieme alla quercetina si è scoperto che offre sollievo dal dolore articolare, oltre a migliorare il funzionamento articolare e la protezione della cartilagine dai danni.

Alcuni studi preliminari mostrano che il PEA può aiutare a ridurre i dolori nervosi nei pazienti diabetici (neuropatia diabetica).

In un altro studio con 12 persone, è stato scoperto che un dosaggio di palmitoiletanolamide di 300 e 1,200 mg / die somministrato per circa 3-8 settimane riduce l'intensità del dolore cronico e neuropatico.

Uno studio condotto su 80 pazienti affetti dalla sindrome di fibromialgia ha scoperto che il PEA, oltre ad altri medicinali per il disturbo, può ridurre il dolore.

Inoltre, diversi altri studi mostrano il potenziale di sollievo dal dolore da palmitoiletanolamide, incluso il sollievo da dolore pelvico, dolore sciatico, mal di schiena, dolore da cancro, tra gli altri.

 

iii. Aiuta a ridurre i sintomi della depressione

La PEA influenza indirettamente i recettori responsabili dell'umore. Alcuni studi dimostrano che il sollievo dall'ansia della palmitoiletanolamide è un ruolo chiave nella lotta alla depressione.

In uno studio su 58 pazienti con depressione, è stato riscontrato che il supplemento di palmitoiletanolamide a 1200 mg / die insieme a farmaci antidepressivi (citalopram) somministrati per 6 settimane migliora significativamente l'umore e i sintomi generali della depressione.

 

iv. Allevia il comune raffreddore

I benefici della palmitoiletanolamide nella lotta contro il raffreddore risiedono nella sua capacità di distruggere il virus responsabile del raffreddore comune (virus dell'influenza). Sorprendentemente, il raffreddore comune si verifica ampiamente e colpisce quasi tutti, specialmente le persone con immunità compresa.

Uno studio con 900 giovani soldati ha dimostrato che un dosaggio di palmitoiletanolamide di 1200 mg al giorno riduceva il tempo impiegato dal partecipante a guarire dal freddo e anche i sintomi come mal di testa, febbre e mal di gola.

Palmitoiletanolamide (PEA)

v. Abbassa i sintomi della sclerosi insulare (multipla)

Con le comprovate proprietà antinfiammatorie della palmitoiletanolamide, la PEA è senza dubbio adatta per il trattamento della sclerosi multipla.

In uno studio su 29 pazienti affetti da sclerosi multipla avanzata, la PEA aggiunta alla dose standard di interferone IFN-β1a ha dimostrato di ridurre il dolore e migliorare la qualità della vita dei pazienti.

 

vi. La palmitoiletanolamide migliora il metabolismo

La palmitoiletanolamide (PEA) è in grado di legarsi al PPAR-α, un recettore responsabile del metabolismo, dell'appetito, della perdita di peso e della combustione dei grassi. Quando il recettore PPAR-α viene attivato, si verificano alti livelli di energia che aiutano il corpo a bruciare più grassi negli esercizi, quindi si perde peso.

 

vii. La palmitoiletanolamide può abbassare l'appetito

Il potenziale di perdita di peso di palmitoiletanolamide è dimostrato nella sua capacità di influenzare l'appetito. Simile al potenziamento del metabolismo, quando il recettore PPAR-α è attivato porta ad una sensazione di pienezza mentre si mangia, quindi aiuta a controllare la quantità di calorie consumate.

Inoltre, il PEA è considerato un etanolamide degli acidi grassi che svolge un ruolo chiave nel comportamento alimentare. In uno studio su ratti iperiectomizzati con elevato aumento di peso, è stato scoperto che il supplemento di PEA a 30 mg / kg di peso corporeo per 5 settimane riduce significativamente l'assunzione di cibo, la massa grassa e di conseguenza il peso corporeo.

 

viii. Effetti antinfiammatori della palmitoiletanolamide durante l'esercizio

Si possono provare dolore e infiammazione durante e dopo gli allenamenti a causa del peso eccessivo. Ebbene, il supplemento PEA potrebbe aiutare a prevenirlo stimolando l'attività antinfiammatoria del recettore PPAR-α. La palmitoiletanolamide può anche inibire il rilascio di enzimi infiammatori nel tessuto adiposo umano.

 

Chi dovrebbe assumere un integratore di Palmitoiletanolamide (PEA)?

L'integratore di palmitoiletanolamide (PEA) è adatto a tutti coloro che soffrono di dolori o infiammazioni avversi e anche a chiunque sia interessato alla perdita di peso, sia in terapia che con farmaci. È stato visto che il PEA migliora l'efficacia di altri farmaci. È un'opzione per coloro che non trovano sollievo nell'uso degli antidolorifici prescritti.

Palmitoiletanolamide sollievo dall'ansia è un attributo eccellente per cui chiunque sia a rischio di depressione o che soffre di depressione dovrebbe prendere la PEA.

Inoltre, si raccolgono più PEA dagli integratori poiché i produttori cercano formulazioni che aumentino la biodisponibilità della palmitoiletanolamide nel tuo corpo.

 

Da cosa deriva il PEA?

Il PEA è prodotto naturalmente nei nostri corpi e anche da animali e piante. Tuttavia, per le persone con dolore o infiammazione cronica, la PEA si presenta in quantità insufficiente, quindi la necessità di integratori di PEA.

La palmitoiletanolamide può essere derivata da fonti alimentari ricche di proteine ​​come latte, carne, semi di soia, lecitina di soia, arachidi e piselli, tra gli altri. Tuttavia, il PEA ottenuto da fonti alimentari è in piccole quantità. Ciò rende necessaria la produzione sfusa di palmitoiletanolamide per soddisfare queste esigenze dietetiche.

 

La PEA ti fa sballare?

La fenetilammina e la palmitoiletanolamide possono entrambe chiamare PEA, ma sono prodotti completamente diversi.

La fenetilammina (PEA) è un composto organico, un alcaloide monoammina naturale e un'ammina traccia, che agisce come stimolante del sistema nervoso centrale negli esseri umani. La fenetilammina stimola il corpo a produrre determinate sostanze chimiche che svolgono un ruolo nella depressione e in altre condizioni psichiatriche.

Assunto in dosi di 500 mg-1.5 g per dose, ogni poche ore, la PEA fornisce all'utente una sensazione di euforia, energia, stimolazione e benessere generale.

Tuttavia, tieni presente che la fenetilammina (PEA) non è palmitoiletanolamide (PEA). Gli integratori di fenetilammina non sono stati approvati dalla FDA per uso medico. La palmitoiletanolamide (PEA) è una sostanza naturale prodotta dall'organismo; è molto efficace e sicuro da usare come integratore per il dolore e l'infiammazione.

 

È PEA supplemento sicuro?

La palmitoiletanolamide (PEA) è una sostanza naturale prodotta dall'organismo; è molto efficace e sicuro da usare come integratore per il dolore e l'infiammazione. Non sono stati riportati effetti collaterali avversi della palmitoiletanolamide e nessuna interazione avversa con altri farmaci.

 

Quali sono gli effetti collaterali della PEA?

Finora non sono stati segnalati effetti collaterali gravi o interazioni farmaco-farmaco. Palmitoiletanolamide può essere assunto insieme a qualsiasi altra sostanza. Migliora l'effetto antidolorifico dei classici analgesici e antinfiammatori.

 

La palmitoiletanolamide è sicura in gravidanza?

Non deve essere utilizzato da donne in gravidanza.

La palmitoiletanolamide può aiutare ad affrontare nutrizionalmente l'infiammazione e il dolore cronico.

Dovrebbe essere preso solo sotto controllo medico.

 

palmitoiletanolamide metà vita - Quanto tempo impiega il pisello a funzionare?

Palmitoiletanolamide (PEA) può essere assunto insieme ad altri farmaci antidolorifici o da solo, come consigliato dal proprio medico, per favorire il sollievo dal dolore.

L'efficacia per alleviare il dolore è di 8 ore

Variabile dei risultati; risultati entro 48 ore in alcune persone, ma utilizzare per 8 settimane per i massimi risultati, può essere utilizzato a lungo termine per il dolore neurologico cronico.

 

Come funziona la PEA per il dolore?

La ricerca ha dimostrato che la PEA possiede proprietà antinfiammatorie e anti-nocicettive e prenderla regolarmente può aumentare la risposta naturale del tuo corpo al dolore smorzando la risposta delle cellule del sistema nervoso che causano dolore.

palmitoiletanolamide lavora anche indirettamente per indurre le attività di alcuni recettori come i recettori dei cannabinoidi. La PEA stimola indirettamente i recettori dei cannabinoidi (CB1 e CB2) agendo come enzima (FAAH -fatty acid amide idrolase) coinvolto nella degradazione del cannabinoide anandamide. Questo aiuta ad aumentare i livelli di anandamide nel nostro corpo, che è responsabile del rilassamento e della lotta al dolore.

 

Cos'è la PEA per alleviare il dolore?

La palmitoiletanolamide (PEA) è una sostanza naturale prodotta dall'organismo; è un'ammide di acidi grassi endogeni, appartenente alla classe degli agonisti dei fattori nucleari, e può essere utilizzata come integratore per il trattamento del dolore e dell'infiammazione. La PEA è una molecola grassa naturale, protettiva, prodotta nel nostro corpo, che aiuta a sostenere le guaine del nervo mielinico per una buona funzione nervosa.

La PEA è un acido grasso coinvolto in varie funzioni cellulari nell'infiammazione e nel dolore cronico e ha dimostrato di avere proprietà neuroprotettive, antinfiammatorie, anti-nocicettive (anti-dolore) e anti-convulsive. Riduce anche la motilità gastrointestinale e la proliferazione delle cellule tumorali, oltre a proteggere l'endotelio vascolare nel cuore ischemico. Spesso nelle persone con disturbi cronici, il corpo non produce abbastanza PEA, quindi assumere PEA per integrare la carenza del corpo può essere utile per aiutare a trattare queste condizioni.

 

Il pisello è un antinfiammatorio?

La palmitoiletanolamide (PEA) è un'interessante sostanza terapeutica antinfiammatoria e potrebbe anche essere molto promettente per il trattamento di una serie di disturbi (auto) immunitari, tra cui malattie infiammatorie intestinali e malattie infiammatorie del SNC.

 

Il pisello fa bene all'artrite?

La palmitoiletanolamide (PEA) offre benefici per l'artrite sia per quanto riguarda la riduzione dello sviluppo e il mantenimento del dolore cronico, ma anche per aiutare a limitare il progresso della distruzione articolare associata all'artrite.

 

Quali sono i migliori antidolorifici per il dolore ai nervi?

La PEA (palmitoiletanolamide) esiste dagli anni '1970, ma sta guadagnando una reputazione come nuovo agente nel trattamento dell'infiammazione e del dolore. Non sono state identificate interazioni farmacologiche o effetti collaterali gravi.

La PEA ha dimostrato l'efficacia per il dolore cronico di diversi tipi associati a molte condizioni dolorose, in particolare con dolore neuropatico (nervoso), dolore infiammatorio e dolore viscerale come l'endometriosi e la cistite interstiziale.

 

Come posso trattare il dolore ai nervi a casa?

La PEA è una molecola grassa che aiuta a supportare le guaine del nervo mielinico per una buona funzione nervosa.

La carenza di vitamine del gruppo B può non solo causare dolore ai nervi, ma anche aumentarlo.

Potrebbero anche verificarsi ulteriori sintomi spiacevoli, come un'andatura traballante, formicolio e bruciore alle mani e ai piedi, la sensazione di camminare su filo spinato o cotone idrofilo o persino intorpidimento del

mani e piedi.

Una quantità insufficiente di vitamina B1 porta a disturbi nel funzionamento dei nervi e di conseguenza a neuropatia e dolore ai nervi. Quando si aggiunge vitamina B1, il dolore diminuisce e la funzione nervosa migliora. La vitamina B1 può essere assunta insieme al PEA, questo fornisce un supporto ottimale al funzionamento dei nervi, previene il dolore ai nervi o il peggioramento dei dolori. Recenti studi hanno dimostrato che molte persone con dolore cronico, anziani e diabetici hanno una quantità inadeguata di queste vitamine nel sangue. Questo è uno dei motivi per cui queste persone non possono essere trattate solo con antidolorifici; loro hanno bisogno

più di quello. La PEA più vitamine del gruppo B supporta il sistema nervoso e immunitario in caso di dolore ai nervi.

 

Palmitoiletanolamide (PEA)

Palmitoiletanolamide è un cannabinoide?

Il CBD (cannabidiolo) è un composto estratto dalla canapa e dalla marijuana. Mentre il corpo produce naturalmente cannabinoidi, il CBD è stato integrato per soddisfare l'esigenza.

I cannabinoidi sono i prodotti chimici attivi biologici prodotti nel corpo che sono responsabili della memoria, del dolore, dell'appetito e del movimento. Gli scienziati ipotizzano che i cannabinoidi possano essere utili nel ridurre l'infiammazione e l'ansia, distruggere le cellule tumorali, offrire rilassamento ai muscoli e migliorare anche l'appetito.

Il PEA è un'ammide di acidi grassi prodotta anche nel corpo e può essere definita cannabimimetica. Ciò significa che imita le opere di CBD nel tuo corpo.

Sia il CBD che la PEA agiscono indirettamente inibendo l'acido grasso ammide idrolasi (FAAH), che di solito scompone l'anandamide e la indebolisce. Ciò si traduce in alti livelli di anandamide. anandamide gioca un ruolo importante nell'umore e anche nella motivazione. I livelli aumentati di anandamide influenzano positivamente il sistema endocannabinoide.

PEA ha guadagnato popolarità e compete con il CBD. Il PEA è considerato un'alternativa sicura al CBD a causa dei problemi legali che lo riguardano e anche del fatto che la maggior parte delle persone non può tollerare gli alti livelli di "pietra" che derivano dal CBD.

Inoltre, la PEA è molto più economica del CBD. Tuttavia, la PEA può essere utilizzata in aggiunta al CBD per ottenere effetti sinergici.

 

Il pisello è un endocannabinoide?

NO, la Palmitoiletanolamide (PEA) è un mediatore lipidico simile agli endocannabinoidi con proprietà analgesiche e antinfiammatorie. La PEA supporta l'ECS modulando la segnalazione degli endocannabinoidi e attivando indirettamente i recettori dei cannabinoidi.

Il sistema endocannabinoide (ECS) è un importante sistema biologico che regola e riequilibra un'ampia gamma di funzioni fisiologiche nel corpo. La ricerca sull'ECS ha portato all'identificazione non solo di endocannabinoidi come l'anandamide (AEA) e 2-arachidonoilglicerolo (2-AG), ma anche di mediatori lipidici simili agli endocannabinoidi come la palmitoiletanolamide (PEA). Questi composti simili agli endocannabinoidi spesso condividono le stesse vie metaboliche degli endocannabinoidi ma mancano di affinità di legame per i classici recettori dei cannabinoidi di tipo 1 e 2 (CB1 e CB2).

 

Palmitoiletanolamide (PEA) e Anandamide

Palmitoiletanolamide e anandamide sono strettamente correlate poiché sono entrambe ammide di acido grasso endogeno prodotta nel corpo.

Si dice che la PEA e l'anandamide abbiano effetti sinergici nel trattamento del dolore e migliorino anche gli antidolorifici utilizzati.

Sono inoltre scomposti dall'enzima idrolasi dell'acido grasso nel corpo, quindi gli effetti che si ottengono quando usati insieme sono maggiori di quelli usati su integratori autonomi.

 

Palmitoiletanolamide VS feniletilamina

La fenetilammina è una sostanza chimica prodotta naturalmente dall'organismo. È ampiamente usato per migliorare le prestazioni atletiche e può anche aiutare ad alleviare la depressione, aiutare nella perdita di peso e migliorare l'umore.

La palmitoiletanolamide è invece un'ammide di acidi grassi ampiamente conosciuta per il sollievo dal dolore e dall'infiammazione.

Questi due composti non sono correlati. L'unica cosa che li collega è che entrambi sono abbreviati come PEA.

 

Come prendo il supplemento di palmitoiletanolamide (PEA)?

Mentre abbiamo enfatizzato il beneficio antinfiammatorio della palmitoiletanolamide tra gli altri benefici, vale la pena portare alla tua attenzione alcuni ulteriori fatti sulla PEA. Il PEA si presenta in particelle di grandi dimensioni ed è insolubile in acqua, ciò rende la biodisponibilità e l'assorbimento della palmitoiletanolamide limitati.

La buona notizia, tuttavia, è che i produttori prendono di mira formulazioni che aumentano la biodisponibilità della palmitoiletanolamide per il massimo utilizzo nel corpo. Per questi, PEA in polvere sono disponibili sotto forma di polvere normale e polvere micromizzata.

 

Dove acquistare la polvere di Palmitoiletanolamide (PEA)?

Siamo in un'era interessante in cui i negozi online sono diventati uno sportello unico per tutto, comprese le forniture sfuse di palmitoiletanolamide. Se prendi in considerazione l'assunzione di PEA, cerca ampiamente i produttori di integratori sfusi di palmitoiletanolamide legittimi. La maggior parte degli utenti di palmitoiletanolamide lo acquista dai negozi online e dovrebbe considerare le loro recensioni per la migliore polvere di PEA sul mercato.

 

Abbreviazioni

AEA: anandamide

CB1: recettore dei cannabinoidi di tipo I.

CB2: recettore dei cannabinoidi di tipo II

CENTRALE: Cochrane Central Register of Controlled Trials

FAAH: idrolasi di ammide di acidi grassi

NAAA: N-aciletanolammina idrolizzante amidasi acida

NAE: N-aciletanolamine

PISELLO: Palmitoiletanolamide

PPARα: recettore alfa attivato dal proliferatore del perossisoma

PRISMA-P: elementi di segnalazione preferiti per revisioni sistematiche e protocolli di metanalisi

VAS Pain: scala analogica visiva per il dolore

ECS: sistema endocannabinoide

 

Riferimento:

[1] Artukoglu BB, Beyer C, Zuloff-Shani A, et al. Efficacia della palmitoiletanolamide per il dolore: una meta-analisi. Medico del dolore 2017; 20 (5): 353-362.

[2] Schifilliti C, Cucinotta L, Fedele V, et al. La palmitoiletanolamide micronizzata riduce i sintomi del dolore neuropatico nei pazienti diabetici. Pain Res Treat 2014; 2014: 849623.

[3] Keppel Hasselink JM, Hekker TA. Utilità terapeutica della palmitoiletanolamide nel trattamento del dolore neuropatico associato a varie condizioni patologiche: una serie di casi. J Pain Res 2012; 5: 437-442.

[4] Keppel Hasselink JM, Kopsky DJ. Il ruolo della palmitoiletanolamide, un autacoide, nel trattamento sintomatico dei crampi muscolari: tre casi clinici e revisione della letteratura. J Clin Case Rep 2016; 6 (3).

[5] Costa B, Colombo A, Bettoni I, Bresciani E, Torsello A, Comelli F. Il ligando endogeno palmitoiletanolamide allevia il dolore neuropatico attraverso la modulazione dei mastociti e della microglia. 21 ° simposio annuale della International Cannabinoid Research Society. San Carlo, Il. Usa: Pheasant Run; 2011.

Contenuti